Category: (1)

Molte persone, sentendomi parlare in inglese, spesso rimangono a bocca aperta. Un po’ perché parlo bene e cerco di nascondere, nei limiti del possibile, il mio bell’accento italiano, un po’ perché si ricordano di me come una capra che non riusciva a dire nemmeno una frase in inglese senza fare un errore.

Il liceo in effetti, per me è stato, da un punto di vista linguistico, abbastanza difficile. Ricordo che quando il professore mi interrogava, andavo praticamente in panico e spesso mi dovevo accontentare di un misero 5½ vivendo con la speranza che a fine anno il consiglio di classe me lo passasse a 6.

Mi sono sempre domandato quindi come migliorare la comprensione dell’inglese, anche perché di principio il problema era proprio questo: Io non capivo nemmeno cosa mi chiedevano.

Ricordo contrariamente un compagno di classe che per me era un mostro della linguistica inglese, faceva davvero paura! Questo ragazzo sosteneva però di non studiare mai e che tutto quello che sapeva, l’accento che utilizzava, le regole grammaticali che applicava e così via,  erano state apprese al di fuori della scuola.

Quindi la domanda persisteva. Come faceva? E soprattutto, come avrei mai potuto io migliorare il mio inglese?  La soluzione poi è arrivata, ed in effetti quel mio compagno di classe non aveva tutti i torti.

Continue reading ..