Mi é appena arrivata questa email dall’Home Office che parla della tanto temuta Brexit. Come di consueto vi tengo aggiornati su tutte le nuove comunicazioni in merito.

Lettera del governo circa la questione Brexit: news di novembre.

Caro Antonio,

oggi il governo ha precisato ulteriori dettagli sul modo in cui il nuovo regime di status stabilito per i cittadini dell’UE e per i loro familiari funzionerà quando il Regno Unito lascerà l’Unione Europea. In un documento tecnico inviato alla Commissione europea nell’ambito dei negoziati, il governo ribadisce come il nuovo sistema sarà snellito, economico e facilmente utilizzabile, per tutti i cittadini dell’Unione Europea.

BrexitI cittadini dell’UE che chiedono di rimanere nel Regno Unito dopo Brexit avranno molto tempo, fino a due anni dopo che il Regno Unito ha lasciato l’UE, per ottenere un status stabilito.

Il nuovo sistema minimizzerà le prove documentali richieste ei cittadini dell’UE non saranno tenuti a fornire le impronte digitali come parte del processo di candidatura.

Le decisioni saranno basate esclusivamente sui criteri stabiliti nell’Accordo di recesso, senza alcuna discrezionalità per altri motivi di rifiuto.

Anche i cittadini dell’Unione Europea avranno il diritto di ricorso statutario, in linea con i loro diritti attuali attraverso la direttiva sulla libera circolazione, se la loro domanda non è in prima istanza accettata.

Il primo ministro è stato chiaro circa la salvaguardia dei diritti dei cittadini dell’UE che vivono in UK e dei cittadini britannici che si trovano in Europa.
Saranno loro la prima priorità nelle discussioni per i negoziati ed ha affermato il mese scorso che un accordo é quasi giunto.

Il negoziato tra il Regno Unito e l’UE continua e i prossimi colloqui avranno luogo questa settimana il 9 e il 10 novembre. Continueremo a tenervi aggiornati su ulteriori progressi.

Cordiali saluti,

Home Office

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: