La decisione su quando far scattare l’articolo 50 e avviare il processo formale di lasciare l’UE spetterà al nuovo Primo Ministro. Il Regno Unito rimane un membro dell’UE nel corso di questo processo e lo sarà fino a quando non saranno concluse le trattative dell’ articolo 50.

Quando il Regno Unito lascerà l’Unione Europea, lo status giuridico dei cittadini dell’UE che vivono nel Paese, e quella dei cittadini del Regno Unito negli Stati membri dell’UE, resterà adeguatamente protetto.

Il governo riconosce e valorizza l’importante contributo da parte di altri cittadini dell’ UE e non britannici che lavorano, studiano e vivono nel Regno Unito.

HO VISSUTO NEL REGNO UNITO PER PIÙ DI 5 ANNI. CHE COSA SIGNIFICA il brexit PER ME?

  • I cittadini dell’UE che hanno vissuto con continuità e senza infrangere la legge nel Regno Unito per almeno 5 anni hanno automaticamente il diritto di residenza. Ciò significa che essi hanno il diritto di vivere nel Regno Unito in modo permanente, in conformità con il diritto comunitario. Non vi è alcun obbligo di registrarsi per la documentazione per confermare questo status.
  • I cittadini dell’UE che hanno vissuto con continuità e senza infrangere la legge nel Regno Unito per almeno 6 anni hanno diritto a richiedere la cittadinanza britannica se avessero intenzione di farlo. I requisiti di ammissibilità possono essere trovati qui.

CHE COSA SUCCEDE SE HO VISSUTO NEL REGNO UNITO PER MENO DI 5 ANNI?

  • I cittadini dell’UE continueranno ad avere il diritto a risiedere nel Regno Unito, in conformità con il diritto comunitario. I cittadini dell’UE non hanno bisogno di registrarsi per tutta la documentazione al fine di avvalersi del diritto di libera circolazione. Per coloro che decidono di richiedere un certificato di registrazione, non vi è stato e non vi sarà alcun cambiamento politico o di processi governativi speciali. Le candidature per tale registro continueranno a svolgersi come sempre.
  • I membri non europei di familiari UE devono continuare a richiedere un permesso di famiglia se desiderano entrare nel Regno Unito ai sensi del diritto dell’Unione, e non avranno una carta di soggiorno rilasciata da uno Stato membro. Non vi è stato alcun cambiamento politico o di processi di governo, e le applicazioni continueranno ad essere trattate come al solito.
  • I membri di famiglie estese di cittadini dell’UE devono continuare ad applicare per un certificato di registrazione (se sono un cittadino UE) o carta di soggiorno (se sono un cittadino non-UE) se desiderano risiedere nel Regno Unito. Non vi è stato alcun cambiamento politico o di processi di governo, e le candidature continueranno ad essere trattate come al solito.
  • I cittadini irlandesi godono di diritti distinti, in vari ambiti della normativa. I cittadini irlandesi residenti nel Regno Unito saranno trattati allo stesso modo dei cittadini britannici nella maggior parte dei casi. Non vi è alcun cambiamento in questo processo..
  • I cittadini croati potrebbero continuare a richiedere un certificato di registrazione per essere autorizzati a lavorare nel Regno Unito sotto il regime transitorio. La normativa nei loro confronti resterà la stessa  messa in atto quando la Croazia ha aderito all’UE nel 2013. Non vi è stato alcun cambiamento politico o di processi governativi e le candidature continueranno ad essere trattate come al solito.

Il governo sta pensando di espellere i cittadini europei dal Regno Unito?

Non c’è stata alcuna modifica ai diritti dei cittadini dell’Unione per risiedere nel Regno Unito e pertanto non cambieranno le circostanze per espellere qualcuno dal Regno Unito.

Come è avveniva prima del referendum, i cittadini dell’UE possono essere rimossi dal Regno Unito solo se sono considerati come una minaccia reale, attuale e sufficientemente grave per il pubblico oppure se non sono residenti legalmente o abusano dei diritti alla libera circolazione.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: