Ragazza alla pari Londra: come trasferirsi con questa modalità

Indice

  1. Au pair Londra: che cos'è
  2. I requisiti necessari
  3. Come iscriversi al servizio

Condividi con i tuoi amici!

Vuoi fare un’esperienza di ragazza alla pari a Londra ma non sai da dove iniziare? In questo articolo ti spiegheremo tutto ciò che c’è da sapere sull’argomento, e ti daremo le giuste informazioni per scegliere la famiglia che fa al caso tuo.

Fare la ragazza alla pari a Londra è una delle esperienze più incredibili e formative che tu possa scegliere di intraprendere. Perché oltre ad immergerti totalmente in una nuova cultura e vivere Londra a 360°, migliorerai tantissimo la tua conoscenza della lingua inglese (Leggi anche: “Come lavorare a Londra senza conoscere l’inglese”).

Vediamo come si diventa Au Pair a Londra.

In cosa consiste

Au pair Londra: che cos'è

Se non hai ben chiaro il concetto di cosa significhi fare la ragazza alla pari a Londra, te lo spieghiamo brevemente. Essere una ragazza (o un ragazzo) au pair, vuol dire che ti dovrai trasferire in un Paese di nazionalità differente, che tu stesso sceglierai. In questo caso l’Inghilterra.

Verrai ospitato da una famiglia del posto, con vitto e alloggio gratuito, per badare ai bambini (solitamente piccoli), quando i genitori non possono farlo. È usuale inoltre che ti chiedano di fare qualche piccola faccenda in casa. Oltre a vitto e alloggio, riceverai anche una piccola retribuzione settimanale. E ovviamente, avrai i tuoi giorni liberi per fare quello che vuoi e girare la città.

Londra è una delle città più richieste dagli Au Pair italiani. Essendo infatti una meta molto ambita, ma allo stesso tempo troppo cara per viverci, molti ragazzi ripiegano su questa modalità. In questo modo, possono risparmiare e vivere comunque a Londra. Ovviamente, è indispensabile che ti piacciano i bambini e che tu sappia occuparti di loro (anche se non è richiesta alcuna esperienza).

Cosa serve

I requisiti necessari

Se vuoi fare la ragazza alla pari a Londra, i requisiti generalmente sono:

  • Hai dai 17 ai 30 anni;
  • Non hai la cittadinanza inglese;
  • Non sei sposato e non hai figli.

A seconda delle famiglie poi, potrai trovare molte differenze nelle richieste. Per esempio, alcuni accettano i fumatori altri no, alcuni richiedono la patente altri no, ecc. Anche per quanto riguarda la retribuzione e i giorni liberi, dipenderà tutto dalla disponibilità della famiglia e dai loro impegni lavorativi. 

La famiglia invece, per poterti ospitare, dovrà garantire di avere almeno un figlio minorenne. E di avere in casa una stanza libera per te. 

La piattaforma

Come iscriversi al servizio

Diventare ragazza alla pari a Londra è molto semplice. Ti basterà andare sul sito di AuPairWorld (https://www.aupairworld.com/it) e iscriverti alla piattaforma. Dopodiché, potrai scegliere il Paese o la città in cui ti piacerebbe fare quest’esperienza, e poi sfogliare tutti i profili delle famiglie che cercano ragazzi alla pari.

Quando avrai trovato la famiglia che più si addice a ciò che cerchi, potrai contattarla tramite il sito. E se riceverai una risposta positiva, allora non ti resterà che firmare il contratto e fare le valigie.

Se vuoi vivere a Londra e vuoi partire con la sicurezza di una stanza e di un lavoro, compila il modulo di contatto qui sotto ed in meno di 24 ore riceverai una risposta dettagliata.

Come ti chiami? (richiesto)

Qual'é la tua email? (richiesto)

Come ci hai conosciuto? (richiesto)

Inserisci qui il tuo numero di telefono

Quante persone siete?

Che tipologia di stanza stai cercando?

Inserisci la data in cui vorresti prendere possesso dell'alloggio (richiesto)

Il tuo messaggio

Gli uffici di Living London Way sono aperti solo ai proprietari degli immobili. Come avrai letto sicuramente tra le pagine di questo sito la nostra attività eroga un servizio di ricerca alloggio totalmente gratuito pertanto i ragazzi che aiutiamo nella ricerca di una stanza non rappresentano per noi i reali clienti. Lavoriamo per te.

Dicci cosa ne pensi
0Mi piace0Adoro0Haha0Wow0Triste0Arrabbiato
Translate »