Mi hanno detto che Londra non è un posto in cui si viene per essere felici.
Si viene per lavorare, fare i soldi. Un posto senza umanità.
Una volta un cameriere sardo in un ristorante mi ha detto:” sai perché dio ha messo le nuvole su Londra? Perché non la voleva vedere”…

Mi sembrava uno sguardo pieno di malinconia per la sua terra… Quasi ci ho visto il mare.
Ci si riconosce…

Umanità: e chi dice che a londra non ci sia?


Però, non so, qui ho trovato umanità… Più di quanta me ne aspettassi.
I miei compagni mi abbracciano quando sono triste e mi manca la mia famiglia, o quando penso di non farcela.


Ieri me la sono vista brutta, così una mia collega, una madre, mi ha abbracciata come penso solo una madre sappia fare, e mi ha sussurrato:” you’ll be fine, sei forte, ce la farai”.
Ho pianto, e mi commuovo se ci penso perché è tosta, eccome.
Mi sono sentita così piccola, ma proprio in senso di età, e mi sono lasciata stringere, anche se non lo faccio spesso.


Quando sono andata a vivere da sola la ragazza che vive con me mi ha consolata molto perché è stato un impatto tosto… Mi ha parlato della sua terra, dell’Ungheria, e che nonostante il fatto che siano passati tanti anni lei piange sempre quando torna e vede il cartello con su scritto il nome della città, e piange di più quando va via.
C’è sole anche qui anche se non scalda come a napoli…
Sul mare nun pazziamm’ non possiamo patteggiare, però niente…c’è umanità anche qui, anche se non ve lo dicono…

E ve lo dico io allora… 🙂

Umanità

About Author

0 Comments

Leave a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.