Uber: stop della licenza a Londra

Indice

  1. Le cause del mancato rinnovo
  2. La sospensione e le deroghe
  3. La situazione attuale

Condividi con i tuoi amici!

Il Transport for London (TFL), ovvero l’autorità comunale per i trasporti di Londra, ha deciso di non rinnovare la licenza a Uber. Il colosso americano che si occupa di car-sharing e si propone come alternativa ai classici taxi.

Ebbene, dal 25 Novembre 2019, il famoso servizio non sarà più disponibile nella capitale britannica. La società statunitense, dal canto suo, ha già annunciato che farà ricorso. Secondo le leggi vigenti in UK, Uber ha 21 giorni di tempo per formalizzare l’appello di fronte la giustizia britannica.

Le colpe

Le cause del mancato rinnovo

La causa principale che ha portato il TFL a prendere questa decisione, è la violazione delle regole da parte del colosso americano dei taxi online. Uber infatti, sempre secondo l’organo londinese, metterebbe a rischio i passeggeri e la loro sicurezza.

Secondo le recenti dichiarazioni di Helen Chapman (direttrice area licenze e regolazione), Uber avrebbe permesso ai propri passeggeri di viaggiare su veicoli non autorizzati e addirittura alcuni non assicurati. Quindi, ci sarebbe da parte di Uber una scarsa regolamentazione del proprio servizio, tanto che persone prive di autorizzazioni hanno comunque caricato passeggeri e svolto il regolare lavoro di tassisti.

Primo stop già nel 2017

La sospensione e le deroghe

Ma non è neanche la prima volta. Il Transport for London aveva già sospeso la licenza a Uber nel 2017, anche se non in versione definitiva. Dopodiché sono state applicate due deroghe, ed una di queste è scaduta proprio il 25 Novembre.

La prima deroga è stata concessa ad Uber nel 2017, e riguardò un’estensione temporanea della licenza di 15 mesi. Scaduta la prima deroga, ne seguì un’altra anche se la concessione è stata di soli due mesi e non di 15 come per la prima volta. Adesso è invece arrivato lo stop ufficiale, senza nessuna deroga.

Un tassista Uber al lavoro
Cosa sta succedendo

La situazione attuale

Il conflitto Uber-Londra inizia dall’elezione del nuovo sindaco laburista Sadiq Khan, subentrato al conservatore Boris Johnson attuale primo ministro. Eppure negli ultimi due anni, Uber ha ridefinito gli standard di sicurezza ed ha apportato notevoli modifiche all’app, anche in fatto di privacy.

Due mesi fa è arrivata infatti la proroga di due mesi della deroga. Ora invece, il buio totale. La posizione di TFL sembra irremovibile, e probabilmente la società americana sta anche peggiorando ulteriormente la situazione.

Secondo le recenti dichiarazioni, il direttore generale regionale di Uber considera sbagliata e insolita la decisione dell’Autorità londinese. Non contento ha continuato affermando che Uber continuerà a funzionare normalmente nella capitale inglese, a nome dei 3,5 milioni di passeggeri e 45.000 mila conducenti presenti nel territorio londinese.

Conclude dicendo che Uber farà tutto il possibile per lavorare con TFL per risolvere la questione.

Come andrà a finire ?

Se vuoi vivere a Londra e vuoi partire con la sicurezza di una stanza e di un lavoro, compila il modulo di contatto qui sotto ed in meno di 24 ore riceverai una risposta dettagliata.

Come ti chiami? (richiesto)

Qual'é la tua email? (richiesto)

Come ci hai conosciuto? (richiesto)

Inserisci qui il tuo numero di telefono

Quante persone siete?

Che tipologia di stanza stai cercando?

Inserisci la data in cui vorresti prendere possesso dell'alloggio (richiesto)

Il tuo messaggio

Gli uffici di Living London Way sono aperti solo ai proprietari degli immobili. Come avrai letto sicuramente tra le pagine di questo sito la nostra attività eroga un servizio di ricerca alloggio totalmente gratuito pertanto i ragazzi che aiutiamo nella ricerca di una stanza non rappresentano per noi i reali clienti. Lavoriamo per te.

Dicci cosa ne pensi
0Mi piace0Adoro0Haha0Wow0Triste0Arrabbiato
Translate »