Postepay a Londra: cosa cambia con la Brexit?

La Postepay è una carta prepagata ricaricabile, emessa da Poste Italiane. E’ sicuramente una delle più amate ed utilizzate dai giovani italiani, e spesso viene usata anche all’estero. La Postepay è comodaeconomica, e priva di canoni annuali (eccezion fatta per la Evolution).

Ma non ci vogliamo prolungare troppo sulle caratteristiche di questa prepagata, bensì sul suo utilizzo in UK dopo la Brexit. Se anche tu utilizzi questa prepagata e vivi e lavori a Londra, ti starai chiedendo se si potrà usare la Postepay a Londra dopo la Brexit. Ti rispondiamo immediatamente: sì, si potrà utilizzare senza alcun problema. Puoi stare tranquillo.

INDICE

Postepay a Londra: cosa cambierà?

La Postepay fa parte dei circuiti VisaMastercard e Visa Electron, a seconda del tipo di carta. Si tratta dei più famosi circuiti internazionali, quindi la Postepay può essere utilizzata in tutto il mondo. Ovviamente dovrai recarti ad ATM che supportino questi 3 tipi di circuito, cosa per niente complicata dato che si tratta dei due maggiori circuiti al mondo.

Quello che cambierà, è che Londra e il Regno Unito non faranno più parte della UE, quindi le commissioni sui prelievi varieranno. Si tratterà di effettuare un prelievo internazionale, fuori dai Paesi UE. Insomma, come se stesse usando la stessa carta in Cina o negli States.

Occhio quindi agli importi delle commissioni, che ovviamente saranno più alti. Da verificare anche il costo per i pagamenti con POS, anch’esso presenta commissioni più alte che per acquisti in zona Euro.

La situazione attuale, come funziona?

Attualmente, se usi la Postepay a Londra ed hai intenzione di effettuare un prelievo presso un qualsiasi ATM del circuito, la commissione sarà pari a 2€. Ovviamente dovrai tener conto anche del tasso di cambio euro-sterlina, tutte le operazioni che effettuerai verranno effettuate nella valuta locale (in questo caso in sterline).

Stessa cosa per i limiti di prelievo giornalieri (se impostati), che verranno calcolati in sterline e non in euro. Quindi se hai un blocco-prelievo da 250€ giornalieri, questi diventeranno £209,32, in pratica l’equivalente in valuta locale.

Se invece hai intenzione di pagare in un qualsiasi negozio, la commissione sarà pari all’1,10% (calcolata sempre in sterline).

Il post-Brexit

Per quanto riguarda il post-Brexit, non ci saranno quindi sostanziali cambiamenti. L’unica cosa da tenere sotto controllo, come già accennato, è il costo delle commissioni. Questo passerà da 2 € (per prelievo in zona Euro) a 5 € (per prelievo fuori da zona Euro).

A questi 5€ dovrai aggiungere un ulteriore commissione pari all’1,1% dell’importo prelevato. Ad esempio, se prelevi 100€ a Londra con Postepay prima del 2021 (ufficialità Brexit), riceverai dall’ATM £82,06 (80). Mentre se prelevi 100€ dopo la Brexit, dall’ATM riceverai £79,54 (75).

Questi sono gli accorgimenti da seguire se hai intenzione di usare la Postepay a Londra!

Se ti è piaciuto questo articolo, leggi anche “Usare la Postepay a Londra”.

Vuoi vivere a Londra? Mandaci un messaggio!

Un’operatrice ti contatterà entro massimo 24 ore

Torna su